Infomarketing

Infomarketing: Come guadagnare online

Infomarketing

Infomarketing? Non lo conoscevo. E probabilmente neanche molti di voi conoscono l’infomarketing. Eppure, negli ultimi anni ho passato molto tempo davanti al PC collegato ad Internet. Chiaro, non sono stato sempre là a cazzeggiare, ma ho lavorato.

Ciononostante,  mi era sfuggito il fenomeno dell’infomarketing che, partito dagli Stati Uniti si è propagato in tutto il mondo, approdando in Italia circa sette anni fa. Inizialmente in sordina, oggi l’infomarketing comincia a far parlare di sé e coinvolge già molte persone.

Eh già! Su milioni di italiani però, ancora solo poche migliaia conoscono l’infomarketing. La martellante dis-informazione dei media ufficiali parla di tutto, ma non cerca mai di aprire gli occhi alle persone. Se si parla di Internet, si parla sì di rivoluzione, ma soprattutto come “amplificatore” delle attività tradizionali, o magari come creazione di nuovi business, ma solo quando hanno raggiunto le dimensioni di Facebook o di Twitter, non facendo altro comunque che spingere le persone ad iscriversi a questi social network solamente per “esserci”, per “partecipare”, ma mai ad essere realmente protagoniste di un proprio cambiamento interiore.

La sfida è: prendere parte al grande cambiamento, esserne protagonisti.  Ma per fare ciò ci vuole l’informazione giusta.

Cos’è l’Infomarketing

Se cerchi “Infomarketing” su Google, troverai tanti siti che danno più o meno spiegazioni, video presentazioni chilometriche, interviste ai cosiddetti “Guru”, e finirai anche su siti molto scarni, di una sola pagina, molto simili tra di loro, nei quali si viene invitati ad lasciare la propria mail per conoscere dei “segreti” per guadagnare online.

Quando t’iscriverai in una di queste maling list, riceverai il primo contenuto gratuito (quasi sempre un report in formato pdf o una serie di video, che ti spiegheranno che utilizzando l’infomarketing e creando degli “infoprodotti”, potrai venderli online, raggiungendo il benessere economico.

Ti verrà spiegato che, facendo tesoro delle tue passioni o interessi, utilizzando l’infomarketing, potrai creare dei prodotti informativi (gli “infoprodotti” (ebook, video, audio), cioè dei manuali più o meno dettagliati che potrebbero suscitare l’interesse di una “nicchia di mercato”.  Coloro che fanno parte di questa nicchia, quotidianamente vanno sui motori di ricerca per cercare “Come fare” una quantità di cose (es: giardinaggio, fotografia, come fare soldi, sport, benessere, seduzione, e chi più ne ha più ne metta.

Quindi, se nella tua vita hai almeno una passione o interesse lavorativo o hobbystico, per il quale hai speso ore d’impegno per cercare informazioni e metterle in pratica allo scopo di realizzare svariati tipi di attività, adesso potrai monetizzarle vendendo prodotti d’infomarketing a quella “nicchia di mercato”.

Bene! Fantastico… ma? Il problema è che, dopo avere avuto a pagamento queste (spesso) sommarie informazioni, ancora in pratica non avrai capito cosa devi fare esattamente per entrare nel mondo dell’infomarketing e quali azioni compiere.

Allora ecco i Guru entrare in azione per venderti il loro “Come fare” per entrare nel business dell’infomarketing.

Ecco, io ho speso molto tempo e anche qualche soldo per capirlo, devo dire più tempo che denaro , ma come si suol dire “il tempo è denaro” e quindi… risparmiare tempo vuol dire sicuramente risparmiare denaro o quantomeno accelerare l’avvicinamento al momento del guadagno. Trovare un vero e proprio sistema completo che offra informazioni pratiche, veloci, e che abbia un costo ragionevole e che non impoverisca ancor prima di aver guadagnato, non è tanto facile.

Alcuni premono molto l’acceleratore sulla motivazione, sul dare un calcio alla miseria, sul fatto che nel web è presente una vera e propria “miniera d’oro” a disposizione di tutti, utilizzando tecniche persuasive di scrittura “ipnotica”.

Io non voglio mettermi contro questi Guru, né contro degli onesti lavoratori dell’informazione, ma mi sembra tutto molto frammentato e molto difficile da approcciare.

Anche perché spesso si trovano in vendita delle informazioni che partono dall’ultimo piano dell’edificio da costruire, o da dettagli come gl’infissi o le porte, e non dalle fondamenta.

Ma come tutti sappiamo, per costruire un edificio solido si parte dalle fondamenta, poi si aggiungono in maniera razionale le successive strutture, che nel nostro caso sono le conoscenze per lavorare con profitto in questo settore. Senza salti logici.

Ho passato molte ore per distinguere l’oro dal piombo, per capire dove trovare onestà intellettuale. Per carità, tutti parlano di guadagni etici, di generosità, ma sono pochi quelli che veramente lo fanno.

Ti dicono che non serve capirne di HTML, di computer, di posizionamento sui motori di ricerca o altri tecnicismi, ma ascoltatemi, non è la pura realtà. Ci vuole almeno una conoscenza di base su tutte queste cose e c’è bisogno di ottenere tutte le informazioni necessarie da aggiungere una sopra l’altra.

Ovviamente poi ognuno si specializzerà in un settore o in una “nicchia di mercato” quali la creazione della mailing list, del sito, blog o minisito, la creazione del traffico (portare visitatori sul tuo sito), il copywriting (l’arte dello scrivere con efficacia), l’utilizzo degli autoresponder (i potenti software che gestiscono il “follow up” degli iscritti alla mailing list, i sistemi di affiliazione, come aumentare le conversioni (trasformare gli iscritti interessati in clienti –possibilmente soddisfatti- che comprano i tuoi prodotti), etc. etc..

Ti ho spaventato? Meglio, a me piace essere onesto e non illudere nessuno. Quello che voglio affermare è che guadagnare online è possibile e lo dimostra il fatto che alcuni italiani ci sono riusciti, ma non è una cosa alla portata di tutti.

Comunque sia, mettere impegno in una qualsiasi attività online può rivelarsi un grande affare.

Allora eccoci qui. Premetto che non voglio fare leva sulla disperazione delle persone che non sanno come tirare avanti. Non prometto miracoli, né 1000 euro al mese a partire dal prossimo.

Non è giusto, non è etico. Io voglio solo offrire a chi vuole mettersi in gioco gli strumenti necessari per riuscirci. Come già detto, non è facile, ma è SEMPLICE. Tutti quelli che ci vogliono mettere un po’ (o tanto) impegno, alla fine otterranno dei risultati.

Tratterò gli argomenti che servono per impostare un business online, ma, a meno che  non ti senta pronto per debuttare con la tua faccia e la tua voce per fare dei video post, o delle squeeze page video o delle sales letter video, la risorsa più a buon mercato ma FONDAMENTALE per avere la possibilità di comunicare su Internet è quella di SCRIVERE.  Il cosiddetto “Copywriting“.  In ogni caso, anche se fai videomaketing, dovrai preparare una traccia scritta per il testo del video.

Il Copywriting è il testo scritto in ogni tipo di materiale di marketing: un annuncio, un pieghevole, un lettera commerciale su carta, un poster pubblicitario, un sito Internet, un blog, una pagina su Facebook.

E se fai web marketing , una salesletter, una squeeze page che offre un report gratuito in cambio dell’indirizzo email, il report gratuito stesso, le email che inserisci nel tuo autoresponder, gli annunci Adwords e tutto ciò che ti trovi a scrivere con l’obiettivo di fare marketing online è copywriting.

E credimi, non è inseguendo ipotetici sistemi automatici o moduli già pronti che potrai trovare la tua strada nel copywriting. Quelli possono aiutare, ma non risolvono. Se tu non arrivi realmente a capire cosa funziona e cosa no, perché le tue squeeze page o sales letter convertono o no, non farai molta strada, te lo garantisco.

Il mio impegno è darti le dritte necessarie, prendendoti per mano anche da zero abilità, e portarti al livello di poter agevolmente comunicare in forma scritta con tutte le persone che desideri raggiungere.

Commenta su Facebook

7 pensieri su “Infomarketing: Come guadagnare online”

    1. Ciao Salvatore,
      prima di tutto ti ringrazio per il tuo apprezzamento. Come ho scritto nell’articolo è abbastanza facile approfondire l’argomento cercando in rete. Il problema è quello di riuscire a selezionare e scegliere i contenuti mgliori senza cadere nei “funnel” (gli “imbuti” di marketing) di marketer che vendono contenuti mediocri e volutamente incompleti, per far sì di mantenere vivo il ciclo di acquisto continuo. Probabilmente, a questo punto vorrai ricevere qualche “dritta” e siccome non mi piace criticare pubblicamente il lavoro degli altri, se ti fa piacere ricevere maggiori informazioni contattami in privato, utilizzando il social network che preferisci (trovi le icone in alto a destra), oppure mi dai il consenso di contattarti al tuo indirizzo email. Ciao!

      1. Ciao Fabio,

        artico interessante anche per me. Ma vedo che è abbastanza vecchiotto.
        Vorrei inserirmi e chiedere anche io delle dritte, magari anche in privato.
        Se posso ovviamente.
        Sto cercando di approfondire l’argomento ma conosco un p’ò il web per sapere che c’è di tutto e di più e non sempre è facile distinguere cosa è buono e cosa no.

        Grazie

        1. Ciao Antonio, ti ringrazio per il commento.
          Sì, l’articolo è un po’ datato ma a giudicare da quwllo che vedo in giro la situazione non sembra essere cambiata di molto.
          Per contattarmi in privato puoi usare una dei pulsanti social in alto a destra.
          Grazie e a presto!

  1. Ciao Fabio,

    ho scritto alcuni giorni fa attraverso il bottone “CONTATTAMI”. Non so se hai mai ricevuto la mia comunicazione.

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

"La nicchia mi sta stretta"