Cucinare bene: cosa trovi nei libri e nei blog?

Cucinare bene

Cucinare bene è un obbiettivo ricercato da molti. Esistono testi (e blog) di varie specie che danno insegnamenti. Ne ho stilato una mia personale classificazione:

  • Quelli che si configurano come puri e semplici ricettari, ovvero una sequenza di ricette per l’appunto, con elenchi e quantità d’ingredienti e istruzioni per l’uso
  • Dizionari gastronomici riservati a cuochi professionisti che elencano le denominazioni dei piatti secondo la cucina internazionale con gli elenchi degli ingredienti e descrizioni sommarie
  • Gli angoli dedicati alla cucina nelle riviste femminili, per le casalinghe che debbono sforzarsi di cucinare bene, inventando ogni giorno piatti nuovi per i loro maritini che rientrano affamati dal lavoro (…roba del secolo scorso…), oggi sostituiti dai vari cibi precotti e surgelati
  • Gli angoli dedicati alla cucina nelle riviste maschili, per coloro che non sono diventati ancora maritini e che spiegano come cucinare bene cibi pratici, veloci e che magari potenziano le loro prestazioni sessuali. Oppure come cucinare bene una cena per riuscire a circuire “lei” la prima volta che l’inviti a casa tua
  • Le riviste che insegnano a cucinare bene in modo “naturale” prevalentemente ad indirizzo vegetariano o vagamente orientale
  • Le Scuole di Cucina che ti insegnano a cucinare bene seguendo programmi da istituto alberghiero, introducendoti alla materia cominciando dall’elencazione dei tipi di farine per poi passare alla confezione delle salse e via discorrendo
  • I trattati come quello di Bartolomeo Platina o di Pellegrino Artusi, che in epoche diverse hanno cercato di spiegare come cucinare bene, affrontando la materia gastronomica, accompagnando le loro spiegazioni con divagazioni storiche, sociali, scientifiche o filosofiche
  • E poi innumerevoli riviste di cucina che escono continuamente in edicola dedicate a innumerevoli e nuovi “target” individuati tra la popolazione, ispirati dai maghi del marketing delle case editrici: single, separati, famiglie “allargate”, etc…

Ebbene, posso affermare che, se sei dotato di incredibile pazienza, di tempo a disposizione, ed inoltre di una buona disponibilità economica, potrai consultare tutto quello che ti ho elencato e trovare nella sua lettura innumerevoli fonti d’ispirazione. Ma non imparerai mai a cucinare bene con quella consistenza che proviene dall’apprendimento naturale fatto di prove, di sbagli, di scottature, di tagli sulle dita, del consiglio di una mamma, di un amico, o anche di un fornitore particolarmente gentile e premuroso che ti spiega come preparare la merce che ti sta vendendo.

Imparare a cucinare bene non è quella robetta facile che vogliono farti credere alcune riviste. La mia aspirazione è quella di guidarti nelle tue scelte, a partire dal momento di fare la spesa per comprare gli ingredienti adatti e di qualità migliore, a quello di comporre un menù armonico, secondo la vostra fantasia, e magari di accoppiarvi le bevande più appropriate. Ma la fantasia deve essere intessuta con lo stile, con la sensibilità, per godere e far godere di uno dei principali sensi: il gusto, con la cura e l’importanza che si merita. E comunque, tranne alcune eccezioni, vi parlerò di cucina Italiana, perché è quella che conosco meglio e che ritengo una delle migliori del pianeta.

Ovviamente, come già detto in altre sezioni del blog, essendo siciliano di nascita e di cultura, preparerò una sezione particolare per le preparazioni tipiche della mia Isola, dove predominano accoppiamenti insoliti, come ad esempio il gusto tipico dell’agro-dolce ereditato dagli Arabi, e altri accostamenti all’apparenza bizzarri.

Passando alla pratica: da dove cominciare? Quale impostazione dare al nostro percorso?  Certo, se ci pensiamo bene, a parte tutte le sovrastrutture che sono state create attorno al cibo nei secoli, nei primordi il cibo è stato ed è ancora per prima cosa fondamentalmente “sopravvivenza“. Ed è da lì che cominceremo. Da come prepararsi un degno piatto di pasta al pomodoro, per esempio.

Perché qui puntiamo all’eccellenza, ed anche nei piatti più semplici, verranno inseriti suggerimenti per raggiungere vette ragguardevoli nella loro realizzazione. Per poi proseguire verso i piatti più complicati.

Commenta su Facebook
Ti Piace La Cucina Siciliana? Non Perdere 52 Antiche Ricette Siciliane Introvabili!
Placeholder

"La nicchia mi sta stretta"